Napoli, il Comune querela Umberto Bossi per «frasi offensive» (ma il senatùr non cita mai Napoli)



Dopo le segnalazioni ricevute allo sportello cittadino voluto da de Magistris.

Denuncia anche per il quotidiano Libero che titolò mesi fa «Piagnisteo napoletano»

Continua a leggere
Se non ti interessa l'articolo guarda tra le Notizie Correlate;
Condividi:
 ⇧ Chiudi le notizie correlate