Il mio nome è Nao e sono il robot che sogna di lavorare come badante



L’umanoide “figlio” del corso di laurea in Ingegneria Informatica dell’ateneo salernitano

Continua a leggere
Se non ti interessa l'articolo guarda tra le Notizie Correlate;
Condividi: